fbpx

Come riconoscere e trattare gli ascessi dentali

Come riconoscere e trattare gli ascessi dentali

Gli ascessi dentali sono cavità provviste di epitelio riempite di essudato cellulare(pus), che si formano a seguito della necrosi pulpare.

Gli ascessi dentali sono simili alle cisti dentali, ma presentano alcune importanti differenze:

Le cisti normalmente non sono riempite da pus, ma da un fluido sieroso o mucoso, che si accumula all’interno di una cavità provvista di epitelio.

L’ascesso cresce molto più velocemente e causa dolori acuti, che potrebbero compromettere la corretta masticazione. Anche le cisti possono causare del forte mal di denti, ma grazie alla loro lenta progressione, in genere vengono trattate prima che possano causare questo fastidioso sintomo.

Le cause degli ascessi dentali

Gli ascessi sono una complicazione comune della pulpite e dei granulomi dentali che, se non trattati, possono causare la necrosi dei tessuti interni.

La formazione di cisti e ascessi dentali si può riscontrare anche a seguito di estrazioni dentali e devitalizzazioni mal riuscite, in cui parte della polpa necrotica non viene eliminata del tutto o in cui non tutte le schegge dei denti danneggiati vengono asportate.

Se percepite del dolore mentre mangiate dei cibi freddi o caldi, contattate immediatamente il vostro odontoiatra. Potreste avere un ascesso dentale non diagnosticato

I sintomi degli ascessi dentali

Oltre al già citato dolore lancinante (il sintomo più evidente dell’ascesso dentale), questa problematica causa gonfiori e arrossamenti localizzati nell’area intorno al dente interessato.

Con la loro progressione, gli ascessi potrebbero causare febbre e l’ingrossamento dei linfonodi del collo.

I trattamenti per l’ascesso dentale

I trattamenti per rimuovere gli ascessi dentali cambiano in base alla dimensione, al contenuto e al grado di infezione di quest’ultimi.

  • La soluzione più semplice (non sempre possibile) consiste nel drenare il pus, eliminando così il gonfiore e l’infezione.
  • Un ascesso dentale, che presenta un elevato grado di infezione, dev’essere eliminato chirurgicamente. L’intervento è relativamente semplice e può essere eseguito direttamente presso il vostro studio odontoiatrico in anestesia locale.
  • Si ricorre all’apicectomia (la rimozione dell’apice dentale) solamente per risolvere le condizioni più gravi: quando la cisti o l’ascesso causano dolori lancinanti e potrebbero compromettere la stabilità del dente.

Dopo l’intervento, è consigliato mantenere un’accurata igiene orale e sottoporsi a controlli periodici presso il vostro studio dentistico.

Per ulteriori informazioni, non esitate a contattarci. Lo staff dello studio Corrado Cardinali di Pesaro sarà a vostra completa disposizione per rispondere ad ogni vostra domanda.

CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Did you like this? Share it!

0 comments on “Come riconoscere e trattare gli ascessi dentali

Leave Comment