fbpx

Endodonzia per curare la carie profonda senza estrarre il dente

Endodonzia per curare la carie profonda senza estrarre il dente

La terapia endodontica, più comunemente detta “devitalizzazione”, è un intervento chirurgico che prevede la rimozione della polpa dentale compromessa dalla carie o da traumi profondi.

La devitalizzazione prosegue con la disinfezione del canale radicolare e si conclude con l’applicazione di un sigillo (otturazione) realizzato con materiali biocompatibili.

Se eseguita in tempo (prima che l’infezione batterica intacchi le radici ed i tessuti profondi della macella) la terapia endodontica permette di salvare il dente e ne previene l’estrazione.

Quando sottoporsi ad una proceduta di endodonzia

Si ricorre all’endodonzia in caso di:

  • Carie dentale profonda;
  • Trauma dentale, anche con frattura;
  • Infiammazione profonda (spesso accompagnata da un dolore profondo e pulsante);
  • Ascesso dentale.

Se non trattate rapidamente, queste problematiche possono portare ad infezioni profonde e irreversibili che, come vedremo in seguito, possono essere trattate solamente con procedure chirurgiche invasive.

Devitalizzazione o estrazione?

Quando un’infezione dentale ha ormai raggiunto i tessuti profondi ed inizia ad intaccare gli elementi dentali vicini, l’odontoiatra dovrà necessariamente procedere con un intervento di estrazione.

Questa operazione, decisamente più complessa di una terapia endodontica, prevede l’avulsione dell’elemento infetto dal suo alveolo. Successivamente, il dente estratto verrà rimpiazzato con una protesi permanente realizzata con materiali biocompatibili come metalli, resine e ceramiche.

Dopo una procedura di estrazione del dente, il paziente dovrà assumere antidolorifici, antiinfiammatori e antibiotici, sciacquarsi regolarmente la bocca con collutori a base di clorexidina e alimentarsi con prodotti liquidi.

Come prevenire l’estrazione e curarsi con la terapia canalare

Il paziente che vuole prevenire l’estrazione, deve sottoporsi a controlli e sedute di igiene professionale presso il proprio studio dentistico con regolarità. Inoltre deve avvisare immediatamente il proprio odontoiatra in caso di urti e traumi alla regione orale.

Se presa per tempo, è possibile risolvere un’infezione leggera con una semplice otturazione, mentre le carie profonde ed i traumi estesi vanno trattati con la terapia canalare e l’applicazione di corone dentali.

Si ricorre all’estrazione solamente quando il paziente ignora la problematica per un periodo di tempo necessario a permettere la sua evoluzione, o quando subisce un trauma profondo che danneggia in modo irrecuperabile il dente.

Nel caso percepiate del dolore alla regione orale, contattate immediatamente lo studio dentistico Corrado Cardinali di Pesaro. Il nostro staff esaminerà con attenzione lo stato del vostro cavo orale, individuando eventuali principi di carie da trattare con operazioni non invasive.

Per ulteriori informazioni in merito all’endodonzia e all’estrazione, non esitate a contattarci.

CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Did you like this? Share it!

0 comments on “Endodonzia per curare la carie profonda senza estrarre il dente

Leave Comment