fbpx

Infezioni dentali, come riconoscerle e prevenirle

Le infezioni dentali si sviluppano quando un’invasione batterica riesce a superare la dentina ed a penetrare all’interno del dente. Una volta che si trovano tra i tessuti molli, i batteri sono liberi di moltiplicarsi al sicuro dai normali strumenti di igiene quotidiana.

Se non trattata rapidamente, l’infezione dentale può compromettere l’elemento dentale fino a causarne la perdita.

I sintomi delle infezioni dentali

Agli stadi iniziali, un’infezione orale potrebbe non generare sintomi evidenti.

Il paziente potrebbe avvertire un’accentuata sensibilità ai denti interessati e le gengive appariranno arrossate, ma a parte questo, l’attività batterica non provoca altri segnali di allarme.

Quando raggiungerà gli strati profondi dei tessuti molli, al contrario, l’infezione darà origine ad un forte mal di denti e, nel cavo orale del paziente, potremmo osservare edemi e ascessi.

Con il progredire della condizione, avremo sintomi ben più seri, tra cui:

  • Febbre alta;
  • Difficoltà di deglutizione;
  • Fitte dolorose molto intense, che potrebbero interferire con la masticazione.

Come vengono trattate le infezioni batteriche

A seconda della gravità, il vostro odontoiatra dovrà ricorrere ai seguenti trattamenti:

Otturazione – Intervento di restauro che ripristina le piene funzionalità dei denti danneggiati dai processi cariosi. L‘otturazione prevede il riempimento del canale radicolare danneggiato con una speciale amalgama biocampatibile, mentre la corona viene ricostruita con metalli o ceramiche.

Devitalizzazione – Si tratta di una procedura chirurgica che prevede la completa rimozione della polpa dentale. La devitalizzazione è la procedura d’elezione per risolvere le infezioni dentali che hanno intaccato gli strati profondi della polpa.

Estrazione del dente – Si ricorre all’estrazione solamente quanto l’infezione dentale ha raggiunto i punti più profondi del dente. Questo intervento è il più invasivo tra quello elencati, ma permette di eliminare l’infezione prima che l’attività batterica possa mette a rischio i denti vicini.

Come prevenire l’infezione dei denti

Ora che abbiamo parlato delle varie procedure utili per risolvere le infezioni dentali, vorremo concentrarci sui metodi utili per prevenirne la comparsa.

Il modo migliore per “intercettare” l’attività batterica prima che possa danneggiare il dente in profondità, consiste nel sottoporsi a visite periodiche regolari (almeno una volta ogni 6 mesi) durante le quali, il vostro odontoiatra controllerà che all’interno del vostro cavo orale non vi siano principi di carie o depositi di placca, che possono dare origine a principi di infezioni.

Per ulteriori informazioni, non esitate a contattarci. Lo staff dello studio Corrado Cardinali di Pesaro sarà a vostra completa disposizione per rispondere ad ogni vostra domanda.

CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

Did you like this? Share it!

0 comments on “Infezioni dentali, come riconoscerle e prevenirle

Leave Comment